Un camaleonte che sta cambiando colore

Voci

Sei un mobilitatore o un sintetizzatore? Ma è davvero così importante? Sì, ecco perché

Reading Time: 4 minutes

Andare d’accordo con i colleghi può essere difficile, anzi difficilissimo… Ma, se ci si riesce, è appagante. Catherine Stothart spiega a Sarah Walker come approcciarsi alle diverse personalità presenti in qualsiasi posto di lavoro

 

Chi non ha mai avuto a che fare con un collega scansafatiche, uno che supera costantemente il confine tra lavoro e divertimento o uno che si prende i meriti per il lavoro fatto da qualcun altro? Chi non hai mai assistito a un poderoso scontro di personalità in ufficio?

La vita sul posto di lavoro non è mai stata facile, ma oggi con l’aumento della pressione e della velocità delle comunicazioni, sembra tutto ancora più difficile.

Sicuramente sei d’accordo con noi: la vita sarebbe molto più semplice se tutti riuscissimo ad andare un po’ più d’accordo. Catherine Stothart, leadership coach e consulente, crede che sia possibile. Come? Con una comprensione migliore del modo in cui interagiamo con gli altri.

Catherine spiega: "Solitamente quando parliamo con qualcuno lo facciamo con un intento positivo, che a volte però può generare un impatto negativo". Secondo la consulente, lo stile di interazione di ognuno di noi rientra in una di queste quattro categorie: mobilitatore, navigatore, energetico e sintetizzatore.

Questi stili, basati sui tipi di personalità individuati dalla psicologa Linda Berens negli anni Ottanta, non sono assolutamente valutazioni dell’intera personalità. Ciò nonostante, possono aiutarci a diventare comunicatori e colleghi migliori. Nel suo ultimo libro, How to Get on With Anyone, Catherine Stothart sottolinea che imparare ad andare d’accordo con gli altri è l’unica strada da percorrere per ridurre gli scontri e vivere una vita lavorativa più felice e serena.

1. Il mobilitatore

Come riconoscerne uno: ai mobilitatori piace portare a termine le cose il più velocemente possibile. Vanno diritti al sodo e sono determinati e diretti. Un modo infallibile per individuarli? Tendono a parlare e muoversi con rapidità e a innervosirsi se hanno la sensazione che non si sta facendo nulla.

Come comunicare con loro: se vedi una persona che controlla furiosamente l’orologio durante una lunga riunione, stai certo che si tratta di un mobilitatore. A volte possono sembrare impazienti o esigenti, anche troppo. Se vuoi andare d’accordo con uno loro, informali su cosa stai facendo e su quando finirai. Sei un mobilitatore? Rifletti su come puoi rallentare i ritmi e coinvolgere le persone.

La frase da dire a un mobilitatore: "Sarà tutto pronto entro le 17:00 di oggi".

La frase da NON dire a un mobilitatore: "Non so quando potrò farlo, non credo sia fattibile".

2. Il navigatore

Come riconoscerne uno: i navigatori sono pianificatori che amano prendersi tutto il tempo di cui hanno bisogno per prendere in considerazione ogni minimo aspetto delle questioni. Li riconosci perché sono attenti, calmi e metodici. Un tuo collega si approccia a un lavoro come farebbe se stesse studiando per un esame? È sicuramente un navigatore. Catherine Stothart avverte che a volte hanno un modo di fare lento o pedante.

Come comunicare con loro: se vuoi andare d’accordo con un navigatore, fai in modo che ti parli del suo progetto. Se, invece, sei un navigatore, cerca di sembrare meno ingessato, mostrando un po’ di empatia e partecipando alle chiacchierate tra colleghi. Puoi farcela.

La frase da dire a un navigatore: "Concordiamo un piano ben definito".

La frase da NON dire a un navigatore: "Cosa ne dici se valutiamo qualche altra opzione?"

Una fila di matite

Sul posto di lavoro coesistono tantissime personalità diverse. Cerca di capire come comunicano i tuoi colleghi per parlare meglio la loro lingua

 

3. L’energetico

Come riconoscerne uno: l’energetico è quella persona che, supportata da un entusiasmo apparentemente infinito, si getta a capofitto nel lavoro e nella vita dell’ufficio, ad esempio lottando per accaparrarsi un nuovo cliente importante oppure organizzando serate dopo il lavoro. In genere si tratta di individui coinvolgenti e persuasivi, che però tendono a stressarsi quando si accorgono che gli altri non hanno così tanta voglia di essere coinvolti.

Come comunicare con loro: secondo Catherine, possono assumere comportamenti caotici che generano confusione negli altri. Per andare d’accordo con uno di loro, il modo migliore è collaborarci. Sei un energetico? Rallenta e parla di meno. Senza offesa.

La frase da dire a un energetico: "Questa è un’ottima idea, approfondiamola".

La frase da NON dire a un energetico: "Questa idea non mi piace, non voglio essere coinvolto".

4. Il sintetizzatore

Come riconoscerne uno: non c’è un sintetizzatore che non voglia ottenere i migliori risultati possibili sul posto di lavoro. A prescindere dal compito, che sia prendere appunti meticolosi durante una riunione o creare presentazioni Power Point dettagliate, loro faranno tutto il possibile e l’impossibile per raggiungere il loro obiettivo. Attenzione, però, non sono per niente frettolosi, anzi amano prendersi il tempo di cui hanno bisogno e raccogliere più informazioni possibili prima di prendere qualsiasi tipo di decisione. Sono spesso buoni ascoltatori e in ufficio si pongono in maniera molto disponibile.

Catherine Stothart sottolinea che possono dare l’impressione di essere indecisi e inconcludenti. Inoltre, tendono a diventare irritabili se ritengono di non aver avuto abbastanza tempo per lavorare a un progetto o, peggio, se non ricevono alcun apprezzamento per il loro operato. Uomo avvisato…

Come comunicare con loro: se si vuole entrare nelle grazie di un sintetizzatore, è consigliabile dargli il tempo di cui ha bisogno per lavorare a un progetto o gratificarlo per gli sforzi compiuti. Sei un sintetizzatore? Se vuoi migliorare il tuo rapporto con i colleghi, cerca di essere più deciso e di informarli quando prendi delle decisioni.

La frase da dire a un sintetizzatore: "Di quanto tempo hai bisogno per portare a termine questo progetto?"

La frase da NON dire a un sintetizzatore: "Voglio un sì o un no"

 


Sarah Walker è una giornalista britannica specializzata in business e tecnologia

Il libro di Catherine Stothart, How to Get On with Anyone: Gain the Confidence and Charisma to Communicate with Any Personality Type, è pubblicato da Pearson