Uomo che riflette in un corridoio in marmo

Produttività

Strumenti tecnologici per l’apprendimento continuo: i migliori 6

Reading Time: 6 minutes

Ormai è assodato che migliorare e sviluppare le proprie competenze fa bene alla salute, al portafoglio e alla vita sociale. David Phelan ha stilato un elenco dei migliori strumenti tecnologici che possono esserti utili nel tuo percorso di apprendimento continuo

 

I tempi della scuola o dell’università e dei traumatici esami sono un lontano ricordo, per fortuna dirai, ma non dimenticare che l’apprendimento è utile, anzi utilissimo, anche sul posto di lavoro. Scopri perché è così importante tenere sempre attiva la mente.

Grazie all’apprendimento continuo e allo sviluppo delle competenze è possibile migliorare la produttività economica. Tutto qui? No, indirettamente migliora anche la sensazione di benessere generale e la capacità di adottare comportamenti positivi in termini di salute e rapporti sociali.

Ciliegina sulla torta; ai datori di lavoro piacciono le persone che continuano a studiare. Google, un esempio su tutti, cerca talenti con interessi personali che li spingono a migliorarsi e impegnarsi in maniera autonoma. Vuoi sviluppare le tue competenze e impararne di nuove? Prova a usare questi 6 strumenti tecnologici. Non te ne pentirai.

1. Udacity

Udacity mette a disposizione corsi online improntati soprattutto sullo sviluppo di codici e sull’informatica. Puoi scegliere di seguire i corsi gratuiti o di investire qualche centinaio di dollari, sterline o euro nei "nanodegree", percorsi formativi realizzati in collaborazione con i giganti del settore (IBM, Google e Facebook tanto per nominarne alcuni). Il fondatore di Udacity, Sebastian Thrun, chiarisce, se ve ne fosse bisogno: "Non diventerai un luminare, ma potrai sicuramente migliorare le tue competenze. Imparare a codificare e conoscere i programmi AR e i meccanismi dell’apprendimento automatico potrebbe rivelarsi particolarmente utile in un futuro che sembra essere orientato verso una presenza sempre più "massiccia" della tecnologia.

Pro Sei attratto dall’argomento? Semina e non tarderai a raccogliere i frutti. Le lezioni sono coerenti, ben strutturate e utili.

Contro Anche se sono tutti spiegati in maniera molto chiara, all’inizio alcuni argomenti potrebbero sembrare poco rilevanti e troppo complessi. Il segreto? Trova il corso adatto a te. Voto: 7/10

 Logo di Udacity sullo schermo di un computer portatile

2. Memrise

Stai cercando un’app per imparare le lingue? Ne troverai tantissime, ognuna con tecniche diverse. Quelle più tradizionali adottano il vecchio approccio scolastico nei confronti del vocabolario e della grammatica. E, diciamocelo, forse non fanno al caso tuo. Memrise, invece, trasforma l’apprendimento in un gioco utilizzando il metodo delle flashcard. In pratica, dopo aver visto alcune parole o frasi, vieni messo alla prova a intervalli sempre più lunghi perché tutti sono capaci di ricordare una frase letta pochi attimi prima, ma tutto si complica quando dai secondi si passa ai minuti, alle ore e così via. Più studi, più guadagni punti. Puoi iniziare con la versione gratuita e, se proprio non dovesse bastarti, puoi passare alla versione Pro. In questo modo riceverai informazioni più dettagliate sul progresso dei tuoi studi e consigli su come imparare le parole più complesse.

Pro La costanza premia: segui le sessioni quotidiane e in poche settimane passerai da risposte monosillabiche a conversazioni più sicure. Praticissima e semplice da usare.

Contro Se vuoi ottenere qualche risultato sappi che seguire una lezione di tanto in tanto non serve a nulla. Il livello della formazione linguistica individuale è ancora irraggiungibile Voto: 7/10

Logo di Memrise sullo schermo di uno smartphone

3. 10 Per Cent Happier

Bastano pochi minuti di meditazione per ridurre l’ansia e affrontare con un piglio migliore le situazioni di stress. Probabilmente avrai già sentito parlare di Headspace, l’app di meditazione più famosa sul mercato, ma conosci 10 Per Cent Happier? Questa applicazione adotta un approccio più diretto aiutando l’utente a raggiungere un livello più alto di concentrazione. L’obiettivo, secondo Dan Harris, conduttore televisivo di ABC News e host dell’app, che si è rivolto alla meditazione dopo un attacco di panico mentre era in diretta, è non essere sopraffatti dalle emozioni. Le prime sette sessioni introduttive, progettate per aiutare a capire se l’app è adatta alle esigenze dell’utente e ricche di utili consigli su come trovare il tempo per meditare in una vita frenetica e su cosa fare quando si inizia ad annoiarsi, sono completamente gratuite. Cosa aspetti a scaricarla?

Pro L’approccio pratico e i contenuti realmente interessanti di questa app ti spingeranno a riaprirla spesso e volentieri. Ok, non riuscirai a far scomparire in un attimo tutte le tue ansie, ma apprezzerai senz’altro i benefici della meditazione.

Contro Questa, come tante altre app, si pone obiettivi a lungo termine. Abbandonarla sfiduciati perché non si riscontrano risultati immediati è, dunque, facilissimo. Non ti piacciono né Dan Harris né Joseph Goldstein, i suoi principali host? Lascia perdere, non è l’app per te. Voto: 9/10

Logo di 10 per cent happier su uno smartwatch

4. Evernote

Qual è il vantaggio di prendere appunti digitali? Be’, facile, averli immediatamente a disposizione su qualsiasi dispositivo grazie a una semplice sincronizzazione. Evernote, un’app completa per prendere appunti, permette di condividere, appunto, gli appunti con i colleghi e non solo. Grazie alle sue funzioni di ricerca avanzata, tra cui quella di riconoscimento ottico dei caratteri, puoi trovare porzioni di testo negli appunti digitali e, udite udite, manuali che hai salvato. Stai cercando qualcosa? Con un ritaglio web puoi salvare pagine di vari browser, semplificando lo studio. Se ti accontenti puoi usufruire del livello base gratuito, se invece vuoi il massimo scegli il livello Premium a pagamento.

Pro Le tantissime utili funzioni di questa app ti aiutano a semplificarti la vita, talmente tanto che ti ritroverai a usarla molto più spesso di quanto avresti mai immaginato.

Contro La tanto lodata versatilità di questa app può risultare eccessiva soprattutto al primo impatto. Se hai la sensazione di essere sopraffatto, scegli applicazioni più accessibili, come Notes presente sui dispositivi Apple. Voto: 8/10

Logo di Evernote sullo schermo di un computer portatile

5. Wolfram Alpha

Devi risolvere un’equazione complessa? Digitala su Wolfram Alpha e avrai il risultato. Questa preziosa fonte di conoscenze e capacità di calcolo, però, non si limita a questo. Infatti, ti insegnerà, se ne hai bisogno, a risolverla autonomamente passo dopo passo. Attenzione: l’applicazione è gratuita, ma questo tipo di funzionalità più complicate sono disponibili solo con la sottoscrizione Pro a pagamento. Qualche dato? 10 trilioni di dati e migliaia di tipi di visualizzazioni. Potrai obiettare che Alexa e Siri, assistenti personali virtuali, sono perfettamente in grado di dare una risposta a domande scottanti del tipo: "Chi è più alto tra Tom Cruise e Dustin Hoffman?" (per dovere di cronaca, la risposta corretta è Tom Cruise). È vero, ma Wolfram Alpha sa rispondere, senza offesa, a domande ben più complesse. Un esempio: non ti viene in mente quella parola che inizia per b e termina con co? Scrivilo e Wolfram Alpha ti fornirà un elenco di possibili parole. Più difficile? Confronta i dati sulla circolazione di due diverse pubblicazioni per scegliere quale delle due è più adatta per pubblicare un’inserzione pubblicitaria. Ancora: l’app è in grado di calcolare le probabilità o le possibilità che una cosa accada (sì, anche la possibilità che esca la combinazione che hai giocato), trovare il tuo indice di massa corporea, verificare il rischio di sviluppo di determinate malattie e scoprire il valore del denaro nel 1965 (o in qualsiasi altro anno) rispetto a oggi.

Pro Più userai questa inestimabile fonte di conoscenze, più diventerà indispensabile. Non temere, i dati e le informazioni sono autorevoli e precisi.

Contro Ovviamente non può fare tutto e per capire i suoi limiti occorre un po’ di tempo. Certo, se hai la sfortuna di imbatterti continuamente in cose che non può fare potresti decidere, prematuramente, di rinunciare. Voto: 7/10

Logo di Wolfram Alpha sullo schermo di un computer desktop

6. Grammarly

Hai qualche conto in sospeso con accenti e doppie? Affidati a Grammarly. Questa applicazione è in grado di individuare errori di punteggiatura, suggerire termini più appropriati e offrire scelte di vocabolario più efficaci. Grammarly è gratuita, ma se vuoi usufruire di funzioni come la correzione di frasi innaturali, dovrai acquistare la versione Premium. Oltre a correggerti, l’app ti permette di fissare degli obiettivi, aiutandoti a usare lo stile giusto se stai cercando di scrivere una notizia o raccontare una storia.

Pro La frase è sempre la stessa: più la usi, più ottieni in cambio. Questa app è in grado di spiegarti perché stai sbagliando e di rispondere a vari livelli di fluidità.

Contro Se vuoi davvero migliorarti, non limitarti ad accettare passivamente le correzioni, ma fissa degli obiettivi. L’app è piuttosto insistente: ti verrà consigliato (troppo) spesso e volentieri di eseguire l’upgrade alla versione a pagamento. Voto: 7/10

Logo di Grammarly sullo schermo di uno smartphone


David Phelan è un giornalista freelance esperto di tecnologia che vive nel Regno Unito.

David Phelan, autore dell'articolo

 Massimizza la tua produttività approfittando degli uffici arredati di Regus